lunedì 1 dicembre 2014

Pollaz meets Lazzari : le amiche morbidose delle Feste

 photo 14d7f97b-0e0a-4b09-9813-536f88556ef3_zps1487f385.png

Ho un debole per Lazzari.
Non sbaglia un colpo e per me è sempre un colpo di fulmine.
Brand italianissimo, che crede fermamente nel made in Italy e nei giovani talenti, ha segnato una nuova fortunata collaborazione con Pollaz, artista che ama creare con stoffe e tessuti, conosciuta in Italia e all'estero per le sue creazioni artigianali originali e soffici.
Dalla collaborazione tra Lazzari e Pollaz sono arrivate cinque nuove amiche: una renna, un’orsetta, una volpe, una coniglietta e una deliziosa signora tasso.
Adele, Bea, Clara, Doris e Emma (questi i loro nomi, in rigoroso ordine alfabetico) che ci faranno compagnia per tutta la durata delle feste natalizie, sono state realizzate usando per la maggior parte (o soprattutto) tessuti delle collezioni Lazzari presenti e passate, recuperati direttamente nei laboratori, in cui nulla va perduto.
Ritroviamo quindi alcune stampe di Ashley Goldberg e Krissy McLean nelle orecchie, ma anche seta, lana ed ecopelliccia.
Le nostre amiche morbidose sono golose di Bretzel intinti nel latte, brioche e cappuccino, gelato, zucchero filato e… tortellini.. a colazione!
Sono alla moda e ovviamente indossano i nuovi look Lazzari pensati appositamente per l'inverno.

 photo Lazzari_Xmas_Adele_2_zpsa141bd08.jpg  photo Lazzari_Xmas_Adele_3_zps25bd49cf.jpg  photo Lazzari_Xmas_Bea_2bis_zps16e515e1.jpg  photo Lazzari_Xmas_Doris_3_zps18f4302f.jpg  photo Lazzari_Xmas_Clara_3_zpse8709664.jpg  photo Lazzari_Xmas_Bea_1_zpsd442835f.jpg  photo Lazzari_Xmas_Emma_1_zps1496b8f4.jpg  photo Lazzari_Xmas_Doris_1_zpsc6fea851.jpg

Venite a trovarle nei punti vendita Lazzari Store di Verona, San Bonifacio, Vicenza, Padova e Bassano del Grappa, e seguite le loro avventure sui social facebook, instagram e twitter!

 photo 05a87dad-a9e3-483a-acf9-1e0a65ce7ca4_zps67f9401f.png Follow my blog with Bloglovin

giovedì 20 novembre 2014

Passato - presente - futuro

 photo bcc092a2a4b2d3b981721754f1c38fff_zps4eed0630.jpg

Forse non tutti sanno che ...
lo stilista Pierre Cardin si chiama in realtà Pietro Cardin, è italianissimo e di origini venete.
Questo mi fa riempire d'orgoglio (lo ammetto, sono molto di parte quando si tratta dell'eccellenza italiana nel mondo).
Trasferitosi con la famiglia in Francia, lavorò giovanissimo presso un sarto a Saint Etienne e nel 1945 giunse a Parigi lavorando prima da Jeanne Paquin e poi da Elsa Schiaparelli. Primo sarto della maison Christian Dior durante la sua apertura nel 1947 (dopo essere stato rifiutato da Balenciaga), fu partecipe del successo del maestro che definì il New Look.
Nel 1950 fondò la sua casa di moda, cimentandosi poi con l'alta moda nel 1953.

 photo 19-1316112_0x420_zpsfa9e3dba.jpg  photo 08-19604_0x420_zps2c8b8223.jpg

Cardin è noto per il suo stile d'avanguardia ispirato all'era spaziale.
Preferisce forme e motivi geometrici spesso ignorando le forme femminili. Progredì nella moda unisex, qualche volta sperimentale e non sempre pratica.

 photo 1968_zps3df17e7f.jpg  photo 30d2cff303f295ddf1ff66c9e7891183_zpsc46ecfc7.jpg  photo PicMonkeyCollage2_zps2a2fb9d5.jpg  photo PicMonkeyCollage3_zps927751f6.jpg

Da lì in poi tutto il resto è storia.
Pierre Cardin ha costruito un impero miliardario testando la sua creatività anche in ambiti differenti: dai profumi, accessori, arredamento, ristorazione, teatro e arrivando perfino a componenti e prodotti elettronici. Visionario e uomo d'affari, instancabile lavoratore innovatore, a lui è dedicato il museo
"Passato-presente-futuro" che ha inaugurato pochi giorni fa al numero 5 di rue Saint-Merri, a due passi dal Centro Pompidou.
Lo spazio espositivo prende il posto di quello aperto nel 2006 a Saint-Ouen, nella banlieue parigina, ormai chiuso.

 photo 785fbc08-c20e-40e1-9ab8-ea3ebd623b78_zpse51d6997.jpg  photo 2587468-3650644_zps2488b387.jpg

"Voglio lasciare al mondo l’eredità di uno stilista che si è fatto da solo, partendo da zero”, ha detto il creativo italo-francese.
In mostra, in oltre duemila metri quadrati di un ex fabbrica di cravatte disposti su tre livelli, ci sono le sue collezioni di abiti, con 200 tra i suoi modelli più rappresentativi su manichini bianchi; mobili di design e accessori, dagli anni Cinquanta a oggi, “tutta una vita di lavoro”.
Un altro motivo per visitare presto Parigi!

 photo PicMonkeyCollage4_zps48ef970b.jpg

Fonti: Pambianconews.com, pierrecardin.com Photo: Pinterest

mercoledì 5 novembre 2014

la musette handmade & Bizzarro Lab

News!
Da poco più di una settimana è nata una collaborazione che mi rende davvero orgogliosa:
le mie collezioni sono in vendita da Bizzarro - Vintage & Handmade Lab.
Bizzarro è un negozio - laboratorio delizioso nato dalla mente creativa di Marianna Vecchio,
designer di Lollilab création, che fiuta e promuove l'artigianato più interessante.
Insieme alle mie creazioni potete trovare infatti tanti marchi di artigianato auto-prodotto, oltre a capi artigianali di abbigliamento e al vintage più ricercato.
Bizzarro - Vintage & Handmade Lab si trova a Via Roma, 52 - Gioia del Colle (Bari).

 photo 1_zps9dcbdbc6.jpg Alcune delle mie creazioni, foto di Marianna Vecchio

lunedì 13 ottobre 2014

Colenimo

 photo 7-1000x709_zps22a1deeb.jpg

Come tutte sapete, o forse lo state scoprendo solo ora, amo terribilmente gli anni '20 e '30.
Navigando qua e là, in cerca di ispirazione, scopro Colenimo: un brand inglese contemporaneo
ma così deliziosamente retrò.

 photo 5-1000x709_zps1c38528a.jpg  photo 3-1000x709_zps047bac50.jpg  photo 6-1000x709_zps88e01e7a.jpg

La collezione a/i 2014 mescola tessuti caldi come le lane inglesi del West Yorkshire e del Galles,
e seta delle camicette e degli abiti.
Mi ha colpito il colore rosso, che spezza i colori classici invernali come il cammello, il grigio,
il blu, il nero.

 photo PicMonkeyCollage1_zpsfae1aef7.jpg  photo PicMonkeyCollage2_zps2a6931d7.jpg  photo colenimo_aw14_look_9_zpsab061b37.jpg  photo colenimo_aw14_look_3_zps20c28287.jpg  photo colenimo_aw14_look_14_zpsb92daed0.jpg  photo colenimo_aw14_look_10_zpsb2a19db4.jpg

Dulcis in fundo date un'occhiata alla preview p/e 2015, è possibile acquistare online con spedizione gratuita anche per l'Italia!

martedì 7 ottobre 2014

Niente è originale

Niente è originale.
Ruba da tutto ciò che suscita l’ispirazione o che alimenta la tua immaginazione.
Divora vecchi film, nuovi film, musica, libri, dipinti, fotografie, poesie, sogni, conversazioni casuali, architettura, ponti, segnali stradali, alberi, nuvole, distese d’acqua, luce e ombre. Delle cose da cui rubare, prendi solo quelle che parlano direttamente alla tua anima.
Se lo fai, il tuo lavoro (e furto) sarà autentico. L’autenticità è inestimabile; l’originalità non esiste.
E non preoccuparti di nascondere il furto, proclamalo se ne hai voglia.
In ogni caso, ricorda sempre cosa disse Jean-Luc Godard: “Non è dove prendi le cose – ma dove le porti”.

Jim Jarmusch

martedì 30 settembre 2014

Diana + Diana - la nuova collezione Lazzari

 photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_0_zpsdfd974f7.jpg

Esterno giorno: casette di legno di un campeggio immerso nel bosco.
Interno giorno: arredamento scandinavo anni sessanta di uno chalet caldo e accogliente.
Due bionde, una dai modi da maschiaccio e l'altra più frivola, che si incontrano-scontrano per caso ...
no, non siamo sul set di un film di Wes Anderson, nè in un remake de The Parent Trap del 1961, con Hayley Mills, più famoso in Italia con il titolo Un cowboy col velo da sposa.
E' la collezione Lazzari autunno inverno 2014/2015 che presenta capi caldi e dai colori tenui, fantasie che ricordano tempi dell'infanzia, patterns accattivanti.

 photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_2_zpsaac149dd.jpg  photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_24_zps7b8ef0f2.jpg  photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_4_zps01b8841f.jpg  photo 56598be0-7372-47aa-8e67-f69802d0ba33_zpsdeaac6ba.jpg

Le due ragazze, Diana + Diana, trascorrono il tempo in modo differente: una con look tomboy nel campeggio, taglia la legna, si prepara per il freddo, come una provetta boyscout si prepara un pranzetto delizioso mentre legge la sua rivista di equitazione vintage preferita.
L'altra, nello chalet delle vacanze, si dedica al ricamo, con risultati più o meno felici, fantasticando sul prossimo party: forse che la scritta Hell Yeah sul maglione di lana sia un indizio?
In ogni caso, meglio ballarci un po’ su: il disco preferito sul giradischi e l’abito perfetto per cominciare le danze.

 photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_9_zps0d4f2f36.jpg  photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_18_zps912b94bd.jpg  photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_16_zps0763e8a1.jpg  photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_14_zps82fd94a2.jpg  photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_11_zps636ab9e8.jpg  photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_21_zpsd4b1665a.jpg  photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_25_zps21af56cb.jpg

Due artiste guest star d'eccezione: Olimpia Zagnoli per il pattern delle uova sul maglioncino di jacquard di lana della Diana al campeggio, e Ashley Goldberg per l'illustrazione All my little friends sul vestitino delizioso della Diana nello chalet.

 photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_7_zpsa14c221d.jpg  photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_13_zps0b0c1d1b.jpg

Questa collezione ci piace! C'è sempre il tocco delicato e distintivo di Lazzari, senza dimenticare che è interamente made in Italy.
Anche la location da sogno è rigorosamente italiana: siamo nell'ex-villaggio Eni di Borca di Cardore, tra le Dolomiti.
Vi ho stuzzicato la fantasia? Allora scoprite tutti i meravigliosi capi su Lazzari online e seguite le novità sulla loro pagina Facebook e su Tumblr.

 photo Lazzari_Fall-Winter-2014-15_28_zps38c2a701.jpg

Diana + Diana from Lazzari on Vimeo.

sabato 27 settembre 2014

Il rosa delicato di Gaby Aghion

«Ho sempre sostenuto che la moda debba essere fresca come un’insalata», diceva Gaby Aghion.
Fondatrice della casa di moda francese Chloé insieme a Jacques Lenoir nel 1952, Madame Aghion, come la chiamavano nella maison, era una donna colta e visionaria;
è stata una delle antesignane del concetto di prêt-à-porter francese quando ancora a Parigi imperava la Haute Couture.

 photo a659dfe5-4df0-4dd2-aab6-ae145565a0e1_zpsc81439e0.jpg

La prima collezione di Chloé fu presentata al Café de Flore nel 1956 e subito decretò l’irruzione in passerella del casual-chic, per una donna romantica, sensuale e decisamente contemporanea ma anche lineare e priva di inutili orpelli.
Nel tempo la maison si è ampliata aggiungendo anche accessori, profumi e una linea giovane
See by Chloé.

 photo chloe4_zpscae413d2.jpg  photo Chloe-1_zps5b7d424b.jpg  photo Senza-titolo-1-2_zps9f1c032c.jpg  photo Chloegrave_zps32cb3c5b.jpg  photo 785b5f59-bfcb-4537-ac39-becbf378231c_zpse3d748d6.jpg

Proprio oggi, nel giorno in cui è venuta a mancare la stilista, si è in fermento per la sfilata della collezione SS 2015 live da Parigi: domani sarà possibile seguirla in diretta su Facebook alle 16 ora italiana, qui.
A poco più di 60 anni dalla sua fondazione, la visione romantica e ultra femminile che ebbe Gaby Aghion di Chloé rivive nella direzione creativa della Designer inglese Clare Waight Keller.

 photo 10672319_10154536380860123_4784913161445353682_n_zps47e8b20e.jpg  photo Untitled_zps830a542a.jpg

Fonte: style.it , chloe.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Pin It button on image hover