venerdì 22 ottobre 2010

Le feu follet

Photobucket
Photobucket
Photobucket
Photobucket
Photobucket
Photobucket
Photobucket
Le feu follet è un film di Louis Malle del 1963, tratto dall'omonimo romanzo di Pierre Drieu La Rochelle.
Il protagonista è Alain, versione nera del dandy di Baudelaire che Drieu aggiorna allo spaesamento generazionale del dopo Prima Guerra Mondiale.
Ogni suo gesto è ribellione al mito del lavoro e della produttività.
Alain è padrone nel vuoto dell’esistenza della sua pelle, suicidandosi.
“La vita non andava abbastanza in fretta per me, io l’acceleravo”. Il suicidio è un paradossale ritorno alla realtà, un atto volontario e libero.
In una società ferita e lacerata dalla Prima Guerra Mondiale, incapace di risollevarsi dall’orrore e dal degrado, Alain, ribelle ed anticonformista rifiuta ogni convenzione e non trova più pace né salvezza in niente. Alain è negazione del sistema. Inquietudine, isolamento e claustrofobia pura.
Le donne che entrano ed escono dalla sua vita non sono altro che impotenti spettatrici di una storia esistenziale senza lieto fine.

5 commenti:

  1. bellissima la descrizione del film, brava.
    quanto a lui, il protagonista, inconsciamente (??) lo stimo e lo condivido.
    per la coerenza e per essere stato in grado di mettere fine ad un qualcosa che gli stava molto molto stretta..
    a presto

    RispondiElimina
  2. Thank you very much for your nice comment. It made me very happy! Brussels is a beautiful city that's true.
    Kisses and goodbye

    RispondiElimina
  3. Fantastic blog!
    I hope you pass to mine and follow me!
    Thanks =)
    http://mackyfashion.blogspot.com/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Pin It button on image hover